Come evitare che un programmatore ti faccia bruciare migliaia di euro

Se potessi dare ad un giovane ragazzo, brillante e volenteroso, la possibilità di mettere in pratica quello che ha imparato durante gli studi, approcciare al mondo del lavoro e tirare su qualche euro, lo faresti?

Molto probabilmente si e non saresti l’unico.

Se però questo aiuto avesse un impatto molto negativo sugli affari della tua attività, lo faresti ugualmente?

Mentre ci pensi voglio raccontarti la storia di Mattia, imprenditore nel fashion retail e proprietario di un negozio di abbigliamento.

Mattia ha un nipote che si è appena laureato in informatica con il massimo dei voti.

Questo ottimo risultato aveva fatto credere al ragazzo di avere la strada spianata verso la carriera dei suoi sogni e che tutte le aziende più importanti fossero pronte a darsi battaglia pur di annoverarlo all’interno dei loro team di lavoro.

Ma come sappiamo, oggi la realtà di un giovane neolaureato che cerca impiego è molto diversa da quella che si potrebbe immaginare.

Ben presto, infatti, il nipote di Mattia si trova risucchiato nella spirale di colloqui infruttuosi, curriculum inviati a destra e a manca e “le faremo sapere” ripetuti all’infinito, che gettano il ragazzo nel più totale sconforto.

A questo punto, a Mattia viene un’idea che sulla carta sembrava sensazionale ma che alla fine, però, si rivelerà un vero e proprio harakiri per i suoi affari.

Questa idea era permettere al giovane nipote di guadagnare un po’ di soldi e mettere in mostra le sue qualità dandogli una mano a rendere più facile la sua attività in negozio.

In che modo? Lavorando come commesso? Aiutandolo a tenere i conti o fare gli ordini ai fornitori?

Nulla di tutto questo.

Il suo aiuto era quello di creargli un piccolo software per gestire il punto vendita e tenere sotto controllo ciò che accade in azienda.

Almeno nelle intenzioni, perché fin da subito Mattia si accorge che la cosa non sarebbe andata  proprio così.

Non che il gestionale fosse fatto tecnicamente male, anzi, il nipote aveva dimostrato di essersi meritato appieno il suo 110 e lode; tuttavia il ragazzo, non conoscendo nello specifico né il mondo del fashion retail né tantomeno le esigenze dello zio, gli aveva progettato un programma generico, uno di quelli che, con qualche piccolo accorgimento, avrebbe potuto usare anche il fratello di Mattia che gestisce un bar.

In questo modo, per il nostro caro imprenditore si era rivelato subito impossibile creare e gestire più listini prezzi sui quali applicare diversi sconti per i clienti affezionati, per il periodo dei saldi, per Natale o il Black Friday, con la conseguenza di non avere mai una conoscenza precisa dei margine di guadagno su ogni vendita effettuata e sapere fin dove poteva spingersi con il prezzo senza il rischio di andare in perdita.

Inoltre, ogni volta che in negozio si presentava un cliente per un cambio o un reso, l’operazione richiedeva non meno di un’ora tra il recupero della data in cui era stata effettuata la vendita, il prezzo applicato e quale commesso l’aveva fatta dato che non c’era possibilità di gestire i movimenti di cassa in maniera efficace.

Una situazione che gli sottraeva solo tempo prezioso, rubato ad attività certamente più importanti e remunerative della gestione di un cambio prodotto, su tutte il controllo dei dati relativi alle vendite e agli acquisti, senza i quali non poteva conoscere con precisione l’inventario o fare ordini di capi che gli servivano realmente, senza correre il rischio di avere giacenze che si sarebbero facilmente trasformate in invenduto.

Vuoi sapere una cosa?

La colpa di tutta questa situazione era solo ed esclusivamente di Mattia.

In fin dei conti, cosa poteva pretendere affidandosi ad un giovane ragazzo che, per quanto volenteroso e brillante, era ancora alle prime armi e, soprattutto, non aveva la minima conoscenza delle dinamiche e del funzionamento di un settore così complesso e in continuo mutamento come quello del fashion retail.

Probabilmente perché era convinto che gli sarebbe bastato un software fatto apposta per lui, costatogli poche migliaia di euro, per gestire alla perfezione la sua azienda ed ottenere sempre più vendite, clienti  e guadagni.

Un pensiero assurdo che a nessun imprenditore verrebbe mai in mente, vero?

Ma se credi che la storia di Mattia sia finita qui, sappi che il peggio deve ancora venire…

PROVA MAGICSTORE: IL GESTIONALE SUPER-SPECIALIZZATO PER IL FASHION RETAIL

Mattia, scottato da una gestione del negozio fatto con un software generico, capisce che c’è bisogno di dotarsi di uno strumento di livello superiore e che, soprattutto, venga realizzato da programmatori esperti che conoscono in maniera approfondita il mercato in cui lavora.

Così, dopo una ricerca in rete, trova un’azienda che sembra fare proprio al caso suo.

Certo, il prodotto che offrono costa decisamente di più rispetto al gestionale che gli aveva creato il nipote, ma se uno vuole ottenere risultati degni di nota non può seguire una strada diversa da quella che porta ad investire.

Tuttavia, non passa molto tempo prima che Mattia si renda conto di non avere acquistato un software, bensì una macchina del tempo che lo riporta indietro di venti anni, facendolo lavorare come se si trovasse ancora nel 1998.

In che senso?

Nel senso che gli esperti ai quali si è affidato non sono riusciti ad offrirgli nulla di meglio di una soluzione gestionale di vecchia generazione, la cui unica peculiarità era, se mai fosse stato possibile, quella di amplificare e moltiplicare i problemi e le difficoltà già create dal software precedente.

Si, perché questo “nuovo” gestionale ha portato Mattia a dover stare molto più tempo chiuso in negozio, anche diverse ore dopo la chiusura perché, essendo installato nel PC del punto vendita, l’acceso e la consultazione poteva avvenire solo da lì.

Una situazione che lo costringeva ad essere fisicamente presente per sapere quante vendite aveva concluso, qual era stato il guadagno, a che livello si trovavano le disponibilità di magazzino e tutte le altre attività che durante la giornata aveva trascurato per stare dietro ai clienti e soddisfare i loro bisogni.

Anche se, a dirla tutta, la conoscenza di ciò che succedeva in negozio non era mai precisa al 100% dato che i gestionali di vecchia generazione come il suo, aggiornano i dati in maniera sincrona, cioè NON in tempo reale.

Con un’attesa di qualche ora nella quale è come se l’azienda fosse risucchiata in un buco nero  senza via d’uscita.

Un ottimo modo per avere il controllo totale degli affari, non trovi?

In più, il fatto che il gestionale fosse installato su PC, per Mattia significava dover sperare ogni giorno che non ci fossero guasti o virus che avrebbero significato la perdita di tutti i dati aziendali accumulati in anni ed anni di attività.

Così, per non dover convivere con questa spada di Damocle sempre puntata sulla sua testa, l’unica cosa da fare per Mattia era stata quella di dotarsi di un costoso sistema di server dove salvare periodicamente le copie di backup di tutti i dati.

Una spesa a cui andava aggiunta una manutenzione ancora più costosa, che garantisse il loro ottimo funzionamento, nonché tutto il sistema di assistenza ed aggiornamenti relativi al  gestionale.

Costi che pesavano per oltre il 50% sulla gestione del negozio di Mattia e che avrebbe potuto evitare se non fosse caduto nell’errore di scegliere un gestionale antiquato, che non gli permetteva di stare al passo con i tempi, né di avere clienti, vendite e guadagni come aveva sempre desiderato.

Qualcosa come migliaia di euro che, con un software gestionale diverso, non avrebbe di certo bruciato in hardware e manutenzione, ma investito nella crescita della sua azienda o utilizzato per fare ciò che più gli piaceva.

PROVA MAGICSTORE E SCOPRI I VANTAGGI DI UN GESTIONALE TOTALMENTE IN CLOUD

Ora immagina per un attimo di essere nei panni di Mattia.

Dopo aver preso due batoste di questo tipo, avresti avuto il coraggio di continuare la ricerca di un software davvero efficace, che ti permettesse di rendere più facile, veloce e ricca la gestione del tuo negozio?

Oppure ti saresti fermato, accontentandoti di quello che avevi pur sapendo che non si trattava della miglior soluzione sul mercato, per paura di rimetterci altri soldi e ritrovarti punto e a capo?

Molto probabilmente avresti preso questa decisione, all’apparenza più sicura e con meno rischi.

E come te l’avrebbero presa altre centinaia di imprenditori, ma non Mattia.

Perché lui ha capito che la scelta giusta non era il male minore, che alla lunga gli sarebbe costata migliaia di euro di mancati guadagni.

Bensì quella di affidarsi ad un nuovo software gestionale, capace di migliorare e rendere più profittevole il suo lavoro, rientrando in pochi mesi dall’investimento fatto e trasformare la spesa iniziale in un guadagno moltiplicato per N volte.

Un sistema che fosse completamente diverso rispetto a quelli con cui aveva gestito finora la sua attività.

Quindi che non fosse generico, come quello realizzato dal nipote, ma specifico per il fashion retail, che gli permette di creare fino a 5 listini prezzi diversi, gestire in tutta tranquillità e senza errori gli sconti all’interno del negozio, controllare ogni singolo movimento di cassa e i dati dell’azienda tramite report dettagliati per recuperare il tempo perso dietro a tutte quelle attività che lo distraevano dall’unica cosa davvero importante: vendere sempre di più!

E quindi che non fosse neppure di vecchia generazione, come quello vendutogli dai programmatori “esperti”, ma avanzato, moderno, che sfrutti tutta la potenza di una tecnologia come il cloud, con cui accedere e controllare il gestionale anche da smartphone e tablet, ovunque si trova e in qualsiasi momento, senza il bisogno di installazioni, per conoscere i numeri dell’azienda in tempo reale, senza latenze, mettendo i dati al sicuro da qualsiasi pericolo, eliminando le copie di backup, abbattendo i costi di manutenzione per PC e server in negozio, come per gli aggiornamenti e l’assistenza al gestionale, che vengono offerti in maniera completamente gratuita.

È per tutti questi motivi che Mattia ha scelto di cominciare a gestire il suo negozio con MagicStore e dare una svolta non solo al suo lavoro, ma anche alla sua vita, affidandosi ad un’azienda che da più di 25 anni lavora con successo nel mondo del fashion retail, aiutando oltre 3000 imprenditori come te a far crescere il volume delle vendita, i guadagni e far spiccare il volo alla loro attività.

Quello che vogliamo riesca a conquistare anche tu.

Per questo oggi hai la possibilità di provare in prima persona il nostro unico sistema 3-in-1.

Ti interessa davvero conoscere una nuova maniera di gestire la tua azienda e cambiare per sempre la tua storia di imprenditore?

Richiedi ORA una prova gratuita del software gestionale MagicStore, per 30 giorni, senza alcun obbligo di acquisto.

Non hai nulla da perdere e non ci sono costi da sostenere per te, ma solo l’opportunità di abbattere gli ostacoli che finora ti hanno impedito di fare soldi come hai sempre desiderato.

Non gettare al vento questa occasione: potrebbe essere l’inizio di qualcosa di straordinario!

Non perdere altro tempo: richiedi ora la TUA PROVA GRATUITA DI 30 GIORNI e ti spiegheremo nei minimi dettagli come funziona un Gestionale integrato all'E-commerce e gli incredibili vantaggi che puoi davvero ottenere con il tuo nuovo negozio online!


Nessuna Carta di Credito Richiesta