La mia esperienza in MagicStore è iniziata quasi per gioco. Vidi l’annuncio sulla bacheca di kijiji e senza tante speranze mandai il curriculum, così come ne mandavo tanti in quel periodo, però non so perché provavo una sensazione positiva, una sorta di sesto senso. Fui infatti contattata dall’azienda e presi appuntamento per un colloquio, che andò bene. Non mi sarei aspettata di lavorare per un’azienda che si occupa di informatica, anche perché venivo da un settore completamente diverso ma ora eccomi qui.

Devo ammettere che il primo giorno di lavoro fu leggermente “traumatico”. Uscita dall’università non avevo mai lavorato per un’azienda, quindi si trattava della mia prima esperienza lavorativa seria. Provavo un mix di emozioni: da una parte ero un po’ spaesata e titubante, essendo il mio primo lavoro avevo paura di sbagliare o di commettere qualche errore; dall’altra parte però ero felicissima di iniziare questa nuova avventura. Qui  ho trovato dei colleghi e delle persone fantastiche disponibili ad aiutarmi, che mi hanno fatto sentire subito a mio agio. Io poi sono una spugna, quindi fin dai primissimi giorni ho appreso tutto quello che potevo grazie anche ai consigli ed ai suggerimenti dei vertici e dei colleghi.

Ciò che adoro del mio lavoro è il fatto che non vengo mai in azienda annoiata, anzi parto carica la mattina fresca e sorridente pronta ad iniziare una nuova giornata lavorativa. In genere le persone quando si recano al lavoro sono “depresse” all’idea di andare in ufficio o in un’azienda dove devono restare per 8 ore, io invece sono felice perché la compagnia dei miei colleghi è estremamente piacevole, l’ambiente è dinamico e si lavora sempre col sorriso sulle labbra. L’intervallo per noi è un momento di aggregazione, stiamo tutti insieme e ne approfittiamo per parlare di noi stessi. Durante la pausa discutiamo di lavoro, ma ci confidiamo anche l’uno con l’altra poiché prima ancora che colleghi tra di noi siamo tutti amici.

Nel mio lavoro ho avuto tantissime soddisfazioni già dai primi mesi. All’inizio mi occupavo di assistenza ai ticket e per me era una grande gratificazione quando i clienti chiamavano e chiedevano esplicitamente di parlare con me. Evidentemente avevo fatto un buon lavoro e ciò era gratificante sia per me che per l’azienda. E poi lavorativamente arrivano soddisfazioni tutti i giorni, perché  la nostra azienda  non lascia niente al caso, è meritocratica, ti spinge sempre a fare di meglio e ti sprona in continuazione usando più la carota che il bastone.

Tra i valori dell’azienda che maggiormente mi rappresentano c’è la trasparenza: siamo trasparenti in tutto quello che facciamo. Il nostro obiettivo finale è la piena soddisfazione del cliente, e non intascare i soldi e basta. Ovviamente i soldi fanno andare avanti l’azienda, ma fondamentalmente il nostro desiderio è quello di avere tanti clienti soddisfatti e felici. Puntiamo all’eccellenza, ecco perché anche in azienda l’unione, la compattezza e la trasparenza sono i nostri punti di forza.

Da noi non ci sono “accordi” sotto banco, gelosie o sospetti, se c’è qualcosa da dire la si dice dritto in faccia, tutti devono sapere tutto e nessuno prende decisioni di sua spontanea volontà senza interpellare e confrontarsi con gli altri. Ad esempio nel momento in cui io prendo una decisione la metto sempre in discussione e ne parlo con gli altri, orizzontalmente con i miei colleghi e a livello superiore con i vertici aziendali. É un’azienda giusta, sana e meritocratica, caratteristiche che purtroppo in genere è difficile trovare. Il principio dell’azienda è fare bene quello che si fa e farlo con passione, ed io non potrei trovarmi in un posto migliore.

Cristina